I Fossi…

Da sempre, amo i fossi…
Anche se qui, ai confini della città,
i fossi che ho nel cuore
erano già rari quando ero piccolo;
erano quelli dove mio padre,
da bambino, catturava le rane con le mani.
Mi piace pensare che i fossi,
loro modesta versione cittadina,
conservino il “ricordo”
dei grandi fiumi di montagna,
delle cascate; la furia delle tempeste sui crinali
e il caldo scorrere verso il mare delle pianure…
E infine nascondano nel profondo
il loro antico bisogno del mare,
il sogno di ritornare all’Unità.
Chissà se anche io,
piccolo praticante di città,
ho in me il ricordo degli Antichi Maestri,
delle gocce di sudore
sulle pietre del tempio,
il fragore delle battaglie,
le fredde meditazioni notturne
e i caldi allenamenti sotto il sole…
E infine, il desiderio profondo
dell’antico significato della Pratica…
Il sogno di un ritorno all’Unità.

-Yuri Debbi

Lo studio del Kung Fu Wu Shu può darvi questo…

Lo studio del Kung Fu Wu Shu
può darvi questo.
Sto parlando di serenità,
assenza di tensione,
aumento della consapevolezza,
maggiore fibra morale,
crescita del potere della volontà,
meno fatica,
migliore comprensione di se stessi
e del proprio ambiente,
migliori relazioni sociali,
fiducia in sé stessi,
successo materiale,
unicità con la natura,
assenza di paura ansietà e noia,
resistenza alle malattie,
libertà dal vizio,
maggiore longevità
e abilità nel prendere a calci un culo.

  • David Carradine

Respira lentamente…

Respira lentamente.
Ascolta il fresco dell’aria
che entra dalle narici
e scende dentro la pancia.
Rallenta volutamente il respiro,
come se fosse fumo denso.
Assapora il respiro
con consapevolezza.
Dimentica il mondo,
le persone e le cose,
pensa solo al respiro.
Respira.
Lascia uscire l’aria lentamente
e con lei tutti i tuoi pensieri.
Questo è il semplice segreto
di una lunga vita.
Questo è Qigong.

-Luigi Zanini

I miei segreti sono ora, i nostri segreti…

Iniziato: 
E ora che ho “varcato la soglia” Maestro,
Che succede?

Maestro: 
Ora i miei segreti, sono i nostri segreti…

Iniziato: 
Bene Maestro, quali sono i segreti?

Maestro: 
Il segreto è che… Non ci sono segreti!
C’è solo “la Pratica”.
…Poi ci sono io, almeno ancora per un po; 
ci sei tu e, come è sempre stato, c’è il Dao, 
che ci abbraccia entrambi… E ride.
– Yuri Debbi